Continua a crescere il peso dei fondi Ue, considerati “straordinari”, sul totale degli investimenti al Sud. Dovrebbero essere aggiuntivi ai nazionali, invece sono sempre più sostitutivi