Daejeon (TMNews) - No ai modelli economici disumani che creano nuove forme di povertà ed emarginano i lavoratori. E' questo il messaggio, a forte vocazione sociale, che Papa Francesco ha lanciato durante la grande messa celebrata nello stadio di Daejeon in Corea del Sud. Davanti a 50 mila cattolici asiatici, il Pontefice argentino ha invitato i giovani a combattere la "cultura della morte" che, nelle sue parole, "viola la dignità di ogni uomo, donna e bambino", e ha ricordato il concetto chiave della libertà cristiana. Nel giorno in cui Seul celebra la propria festa dell'indipendenza, Francesco ha messo in guardia, pur in una nazione in forte espansione come quella coreana, da quello spirito di disperazione che il Papa vede crescere "come un cancro" nelle nostre società. Poi l'ormai classico invito ai ragazzi a non farsi rubare la speranza.