Oslo (TMNews) - La crisi siriana torna al centro dell'attenzione mondiale. L'accademia di Oslo ha assegnato il Nobel per la pace 2013 all'Opac, l'organizzazione per il divieto delle armi chimiche attualmente impegnata nello smantellamento dell'arsenale non convenzionale siriano.Il presidente del Comitato, Jagland, ha spiegato che l'Opac è stata premiata "per i suoi estesi sforzi tesi all'eliminazione delle armi chimiche in tutto il mondo". Nella motivazione si sottolinea inoltre come "i recenti eventi in Siria, dove le armi chimiche hanno fatto ancora una volta strage, abbiano evidenziato la necessità di intensificare" ulteriormente tali sforzi.L'Opac, nata nel 1997, in 16 anni di attività ha distrutto nel complesso 57.000 tonnellate di armamenti, per lo più prelevati dagli arsenali americani e russi risalenti all'epoca della Guerra Fredda. Il premio, che consiste in un diploma, una medaglia d'oro e la relativa ricompensa da oltre 1,2 milioni di euro, sarà consegnato a Oslo il 10 dicembre prossimo.(immagini AFP)