Roma (askanews) - I bambini non sono mai un "errore". Questo il monito lanciato da Papa Francesco all'udienza generale del mercoledì in Piazza San Pietro. Ogni bambino emarginato, abbandonato o vittima di forme di violenza, è "un grido che sale a Dio", ha detto il Pontefice.Tanti bambini fin dall'inizio sono rifiutati, abbandonati, derubati della loro infanzia e del loro futuro. Qualcuno osa dire che è stato un errore farli venire al mondo. Ma questo, ha ammonito il Papa, è vergognoso."Non scarichiamo sui bambini le nostre colpe. I bambini non sono mai un 'errore'. La loro fame - ha proseguito - non è un errore. Come non lo è la loro povertà, la loro fragilità, il loro abbandono. Semmai, questi sono motivi per amarli di più, con maggiore generosità. Che ce ne facciamo delle solenni dichiarazioni dei diritti dell uomo, dei diritti del bambino, se poi puniamo i bambini per gli errori degli adulti?".