Roma, (askanews) - Dal porto a Napoli Est, cercando di rilanciare la periferia e l'identità della città partenopea. Sono 20 i punti su cui si concentra il Movimento 5 Stelle che ha presentato al Molo Beverello a Napoli i candidati al Consiglio Comunale e il programma del suo candidato sindaco Matteo Brambilla.Il porto deve tornare a essere una ricchezza e non svenduto ai privati, lo stesso per Napoli Est nel mirino degli speculatori, diventerà la Bagnoli 2. Vogliamo invece che la periferia diventi parte integrante di una città, questo si può fare dando il patrimonio immobiliare a disposizione dei cittadini, di chi vuole fare impresa, di chi vuole gestire a livello sociale e culturale con proprie attività"."Far emergere l'identità di Napoli: solo così potrà farla conoscere ai turisti e fare sviluppo anche nel turismo e nella cultura, manca una pianificazione di queste cose"Alla conferenza stampa sono intervenuti a sostegno di Brambilla il vice-presidente della Camera del Movimento 5 Stelle Luigi di Maio e il collega Roberto Fico. A tenere banco è stato tuttavia il caso Graziano, l'ex presidente del Pd Campania indagato per avere ricevuto voti in cambio di appalti vicini al clan dei casalesi."Una vicenda che se fosse verificata perché siamo ancora nell'ambito delle inchieste, sarebbe gravissima e sarebbe l'ennesimo segnale di quello che è la politica collusa con la malavita. Qui stiamo parlando addirittura di appalti già decisi prima di entrare nelle istituzioni, cioè io ti faccio eleggere se tu poi mi da un appalto in cambio".