Milano (TMNews) - Lo scrittore australiano Richard Flanagan ha vinto il Booker prize. Il più importante premio letterario britannico gli è stato assegnato per il romanzo "The narrow road to the deep north" che racconta la storia di un chirurgo imprigionato in un campo di lavoro giapponese durante la seconda guerra mondiale ed è ispirato alla vita del padre, prigioniero di guerra."Il miracolo è che ogni anno, malgrado tutto, continuano a essere scritti grandi libri - ha detto dopo aver ricevuto il premio - penso che scrivere un romanzo significa fare parte di una lunga tradizione intellettuale, estetica, spirituale. Ne abbiamo bisogno perchè permette ad un individuo di dire la verita, libera dai dettami del potere e del denaro".Flanagan, che è il terzo australiano a vincere il premio, ha lavorato a questo romanzo per 12 anni e suo padre è morto proprio il giorno in cui l'ha finito.(Immagini Afp)