Si chiama raclage ed è quel fastidio alla gola a cui reagiamo schiarendo la voce. Spesso confuso con la raucedine, è un disturbo molto diffuso che a volte si presenta con più frequenza nei momenti di stress e di tensione. Ma, in buona parte dei casi, il raclage può essere la spia di un'irritazione della parte posteriore delle corde vocali determinata dal reflusso gastroesofageo.
Ma quali sono i comportamenti da adottare se ne soffriamo? Secondo il professor Matteo Trimarchi, otorinolaringoiatra all'Ospedale San Raffaele di Milano, occorre eliminare dalla nostra alimentazione cibi come cioccolato, caffè, tè, liquirizia e ridurre kiwi, peperoni, cipolle. Fondamentale è non sdraiarsi mai subito dopo mangiato. Attenzione alle caramelle alla menta. Normalmente utilizzate per lenire il mal di gola, in questo caso sono da evitare in quanto la menta rientra in quel gruppo di alimenti che favoriscono il reflusso. Sarebbe infine d'aiuto mantenere lubrificata la gola con dell'acqua a temperatura ambiente.