Roma, (TMNews) - Un paese di montagne e aria cristallina, stretto fra le cime dell'Himalaya, il Nepal e la Cina: il piccolo regno del Bhutan ha celebrato con enfasi il 34esimo compleanno del suo giovane re, quinto della dinastia.La cerimonia nello stadio nazionale di Thimphu ha visto danze e canti tradizionali. Il Bhutan è avviato sulla strada della modernità, la giovane popolazione è educata all'occidentale, ma il paese non vuole stravolgere la sua storia e la sua cultura. E i ragazzi allo stadio parlano del re come di un dio in terra. "lo amo, amo il mio re" dice Tschewang."E' il nostro governante e colui che ci porta pace e felicità, per noi è importante celebrarlo" dice Tshering Deki. E per la sedicenne Weshilhamo, "lui è il nostro dio. amiamo il nostro re, preghiamo gli dei che gli diano lunga vita".