Arras (askanews) - I passeggeri del treno Amsterdam-Parigi, preso d'assalto da un uomo armato di kalashnikov, si sentono dei miracolati dopo aver vissuto momenti da incubo. "Ero nella carrozza 11, ho preso il treno ad Anversa - racconta uno di loro - La prima cosa che ho visto è il personale della Thalys che correva nel nostro vagone, tutti ci siamo chiesti cosa stesse succedendo"."A un certo punto il treno ha rallentato, ho guardato fuori dal finestrino e ho visto una donna che correva e si nascondeva in un cespuglio, mi si sono chiesto se fosse un film"."Avevo gli occhi chiusi - racconta questa turista americana - ero nel dormiveglia, e all'improvviso ho sentito il vetro andare in frantumi, e ho visto che c'erano vetri nei miei capelli e intorno al mio sedile, e mio marito che cercava di vedere cosa stesse succedendo. Poi ho visto un uomo con un'arma automatica molto grande, ci siamo buttati giù immediatamente, eravamo in stato di choc".Il peggio è stato evitato dall'intervento di due marines che hanno disarmato l'assalitore. "Siamo molto, molto grati a quei due signori che lo hanno fermato e bloccato"