Oloron Sainte-Marie (TMNews) - Serie televisive come "Csi" o l'italiana "Ris" hanno raccontato le più curiose tecniche d'investigazione sulle scene del crimine. A volte, però, la realtà supera la fantasia come nel caso dei poliziotti di montagna francesi, costretti a muoversi in ambienti ostili che rendono il loro lavoro tra i più pericolosi in assoluto."E' importante essere tempestivi nel trovare prove e indizi sul posto - dice l'investigatore Olivier Brizion - in modo da non rischiare di perdere qualcosa e farsi un'idea delle cause di morte".Di 21 squadre esistenti di poliziotti di montagna, solo due sono abilitate a operare come speleologi e spesso sono chiamati in tutta la Francia, per esempio alla ricerca di armi abbandonate nelle grotte. Una di queste è la squadra di Oloron Sainte-Marie che solo nel 2013 ha effettuato oltre 130 sortite, più di 10 al mese."E' un lavoro duro - dice il capo, Sebastien Grandclément - però ci vogliono capacità tecniche e tanto addestramento, altrimenti esporremmo noi stessi e le persone che soccorriamo a rischi inutili".Il prezzo che pagano questi super-poliziotti è alto: nel 2013 sei di loro sono morti nel tentativo di salvare la vita a persone in difficoltà.(Immagini Afp)