Milano, (TMNews) - I grandi nomi dell'abbigliamento mondiale firmano un accordo per migliorare le condizioni di lavoro e la sicurezza nei laboratori tessili del Bangladesh. Ad aderire marchi come l'italiana Benetton, la spagnola Inditex proprietaria di Zara e Massimo Dutti, Mango, la britannica Marks and Spencer, la svedese H&M, le inglesi Tesco e Primark e l'americana PVH che ha i marchiTommy Hilfiger e Calvin Klein.Una decisione che arriva dopo la tragedia di Dacca, dove nel crollo di un palazzo di 8 piani sono morte oltre 1.100 persone, per la maggior parte operai di aziende tessili che in molti casi lavoravano per grandi marchi occidentali, finiti sotto accusa per i mancati controlli. L'accordo stipulato con i sindacati IndustriALL e UNI Global Union che rappresentano 70 milioni di lavoratori prevede per i prossimi cinque anni l'adozione di misure specifiche, come ispezioni, progetti di training e investimenti, che porteranno a garantire anche la sicurezza degli edifici dove operano produttori bengalesi del settore.(Immagini Afp)