Milano, (askanews) - Un ristorante, una panetteria, una stamperia e a breve un orto per coltivare in casa le materie prime. Siamo tra gli edifici popolari e gli uffici della periferia sud di Milano. Qui il desiderio di restituire dignità a persone disabili attraverso il lavoro ha dato vita quattro anni fa al progetto della cooperativa sociale Via Libera, che impiega a pieno regime disabili nelle proprie attività. Andrea Miotti, vicepresidente della cooperativa, spiega come nasce l'idea"Nel 2012 abbiamo avviato il ristorante e la panetteria, impieghiamo complessivamente 17 persone con disabilità cognitiva regolarmente assunte; per ogni persona abbiamo definito e studiato delle mansioni specifiche che puntano a valorizzare la persona dal lavaggio piatti alla vendita dei nostri prodotti nella panetteria, ognuno ha la sua posizione"In realtà al cliente che, ignaro, entra nel ristorante Gustop non balza subito all'occhio che qui il grosso del lavoro lo fanno persone disabili. Merito anche della formazione del personale durata due anni prima ancora di aprire i battenti. Un lavoro premiato dal successo anche economico dell'iniziativa e riconosciuto dal Comune di Milano che attraverso l'azienda Dominioni ha voluto donare alla cooperativa una impastatrice di design, con cui produrre pasta fresca per il ristorante. Pierfrancesco Majorino, assessore al Welfare."Le persone con disabilità hanno diritti che vanno praticati, resi esigibili e ci sono esperienze come questa che lavorano per dare una occasione a cittadini con disabilità di sviluppo dell'autonomia e noi interagiamo con esse nell'idea che siamo di fronte a persone, punto".A mettere in contatto Dominioni con la cooperativa sociale il direttore di una rivista, Cibi Arte e scienza del cibo, che ha voluto trarre da Expo una lezione di vita:"Ci sembra che possiamo mettere in contatto nel nostro piccolo la produzione con iniziative di tipo sociale. La dominioni group produceva questa macchina a questo punto abbiamo chiesto loro se fossero disponibili a donarla al Comune per destinarla a una iniziativa del terzo settore".Così è iniziata la collaborazione tra Dominioni group e la cooperativa Via Libera che grazie a questa macchina potrà dare nuovo lavoro ad altre persone disabili