Roma, (askanews) - L'incontro a Palazzo Chigi fra Maetteo Renzi e Silvio Berlusconi è servito a ribadire la posizione del PD sulla legge elettorale, il considdetto Italicum: lo ha detto alla stampa il vice segretario del Pd Lorenzo Guerini, al termine del colloquio."Abbiamo ribadito a Forza Italia la nostra posizione: no a liste bloccate, sì a un meccanismo che preveda capilista e preferenze e un premio di lista che garantisca la governabilità al Paese. Attendiamo da Fi che vi sia in Parlamento una risposta adeguata a questa nostra impostazione".Nulla si sarebbe detto invece sul Capo dello Stato : "Non abbiamo parlato assolutamente di Quirinale... Abbiamo presentato la nostra posizione, sta a Forza Italia fare le proprie valutazioni, penso le farà in queste ore".Il governo non arretra sul tema dei capiliste bloccate nonostante l'opposizione della minoranza del Partito Democratico: "Questa è la posizione che il Pd ha portato all'attenzione dei propri organi dirigenti, deliberata più volte in Direzione, e l'abbiamo confermata anche nell'assemblea dei gruppi parlamentAri: questa è la posizione del Pd. Mi pare che sull'Italicum vi sia un accordo molto serio in maggioranza, però abbiamo sempre detto che la legge elettorale va costruita insieme all'opposizione ed è quello che stiamo cercando di fare".