Ragusa, (TMNews) - Beppe Grillo torna in Sicilia in occasione del ballottaggio per eleggere il nuovo sindaco di Ragusa. Una due giorni che, a differenza delle precedenti sortite siciliane, non ha visto il leader del Movimento 5 Stelle impegnato in un comizio ma in una serie di appuntamenti sul territorio, dove ha incontrato cittadini e categorie produttive. Accompagnato dal suo candidato sindaco Federico Piccitto, e dal capogruppo all'Ars Giancarlo Cancelleri, Grillo ha ascoltato i dipendenti di una piccola azienda produttrice di veicoli industriali, poi si è fermato in una fattoria per incontrare una ventina di agricoltori. Da qui, dove giornalisti e cameramen non potevano entrare, l'ex comico ha attaccato il governo e i partiti, "in vita - ha detto - soltanto grazie all'inciucio voluto dal presidente della Repubblica" Giorgio Napolitano.La sfida a Ragusa è delicata: è l'unico capoluogo di provincia siciliano dove è ancora in corsa un candidato del Movimento 5 Stelle. Nella regione che l'ottobre scorso sancì il primato del Movimento, a contendersi la poltrona di sindaco sono Federico Piccitto, che al primo turno conquistò il 15,6% delle preferenze, e il candidato del centrosinistra Giovanni Cosentini che raggiunse il 29,3%.