Strasburgo (askanews) - Atene ha formalizzato una nuova richiesta di aiuti all'Eurogruppo e al fondo salva stati, un piano su tre anni con il cruciale impegno a varare praticamente da subito, riforme strutturali su nodi ritenuti critici: pensioni e fisco. La Grecia, insomma, sa di essere sull'orlo del baratro, ma vuole evitarlo."Tutte le forze politiche alla presenza del presidente greco, si sono sedute a un tavolo e abbiamo concordato un piano concreto di proposte di riforme credibile e concreto", ha detto il premier Alexis Tsipras, intervenendo al Parlamento europeo.Tsipras ha assicurato di non avere piani segreti sull'uscita dall'euro, paventati invece dalla Commissione europea mentre il neo ministro delle Finanze, Euclid Tsakalotos ha formalizzato la richiesta del nuovo piano di aiuti con una lettera recapitata al presidente dell'Eurogruppo e al direttore del Fondo salvastati.Resta da vedere cose metterà nero su bianco Atene e come reagiranno le istituzioni e gli altri paesi europei.Un primo segnale incoraggiante è giunto dalla Spagna, con il premier Mariano Rajoy che ha parlato di "cambio di tono positivo". E positiva appare anche la reazione sui mercati, con le Borse in risalita e i titoli di Stato dei paesi periferici in recupero."Abbiamo bisogno di unità - ha commentato il presidente del consiglio Europeo, Donald Tusk - non perché è una bella idea ma perché è essenziale se vogliamo prendere decisioni concrete sulla Grecia. Senza unità, tra 4 giorni ci sveglieremo in un'Europa diversa, per la Grecia e per tutti noi questa è l'ultima chance".(Immagini Afp)