Roma (askanews) - "C'è un obbligo morale e storico verso il popolo greco ma questo sforzo deve essere reciproco. Il lavoro dell'Eurogruppo, entro la fine del mese, deve vedere una forte e tenace e determinata consapevolezza dei rischi che si corrono ove l'accordo non si realizzasse soprattutto per quel Paese al quale molti di noi noi sono legati da un sentimento di riconoscenza e di affetto".Lo ha detto in aula al Senato, a proposito della crisi greca, il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nel corso dell'informativa sul consiglio dell'Unione europea in programma nelle prossime ore.