Napoli, (TMNews) - Per contrastare la corruzione bisogna intervenire sull'economia criminale e sui cosiddetti reati sinotmatici. A dirlo, a margine di un convegno a Napoli, è il presidente del Senato Pietro Grasso. "Sulla corruzione - ha dichiarato la seconda carica dello Stato - bisogna fare un intervento deciso. Ho presentato un disegno di legge sull'economia criminale. Rimane essenziale il fatto che oltre alla corruzione ci siano i reati sintomatici, di contorno, che possono far scoprire la corruzione: il falso in bilancio, l'autoriciclaggio, l'evasione fiscale che sia punita in maniera più grave. Tutto questo deve essere corollario della corruzione. Non basta chiamare ladri i corroti, bisogna individuare questi ladri che sono ladri di futuro anche del lavoro dei nostri giovani e rendono più poveri i nostri poveri. Noi dobbiamo dare gli strumenti per individuare i ladri"."E questi strumenti passano anche dalla possibilità di offrire benefici a chi collabora con la giustizia".