Roma, (TMNews) - Lo stilista inglese John Galliano, caduto in disgrazia per dei pesanti epiteti antisemiti lanciati in un bar parigino, episodio che nel 2011 gli era costato il posto da Dior, è stato nominato direttore creativo della griffe parigina Martin Margiela. Lo ha annunciato Renzo Rosso, presidente del gruppo OTB, proprietario del brand. John Galliano dopo tre anni e mezzo di esilio fa così il suo grande ritorno nel fashion business, una eventualità di cui si vociferava con insistenza durante le ultime sfilate parigine.Considerato uno dei più grandi talenti della sua generazione, John Galliano aveva lavorato per quindici anni da Christian Dior, prima di essere licenziato nel marzo 2011 per il famoso video in cui pronunciava delle invettive razziste e antisemite contro dei clienti in un locale parigino. L'increscioso episodio gli era costato, oltre al posto di lavoro, anche un processo per apologia del nazismo, e una multa di 6.000 euro. Quasi invisible in questi tre anni e mezzo, Galliano aveva fatto riparlare di sé durante la settimana della Moda a New York nel febbraio 2013, dopo una sfilata molto applaudita di Oscar de la Renta, con il quale collaborava e nella quale in molti avevano riconosciuto il suo inconfondibile tocco.