Revisione delle pensioni al centro del contratto di governo M5S-Lega. Ecco tutte le novità. Quota 100: nuove anzianità con 64 anni di età e massimo 3 anni di contribuzione figurativa. Penalizzazione legata al calcolo contributivo in toto. Quota 41: in pensione con 41 anni di contributi a prescindere dall'età. Proroga opzione donna: con 58 anni e 35 anni di contributi subito in pensione. Penalizzazione legata al ricalcolo contributivo dell'intero montante. Pensione di cittadinanza: elevare a 750 euro le pensioni di chi è sotto la soglia di povertà. Pensioni d'oro: taglio alle pensioni sopra i 5 mila euro non giustificate dai contributi versati