Genova , (TMNews) - Migliora lo stato di salute del mar ligure anche se il 40% dei prelievi effettuati dai biologi di Goletta Verde presenta ancora valori di inquinanti ben oltre i limiti consentiti dalla legge. È il risultato dei campionamenti eseguiti lungo i 345 chilometri della costa ligure nell'ambito della campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio dello stato delle acque italiane, che ha iniziato il suo tour 2014 proprio dalla Liguria. Nel mirino di Legambiente sono finite soprattutto le foci dei fiumi e dei torrenti e alcuni tratti del litorale segnalati dai cittadini. Ancora una volta sono venute quindi alla luce le storiche criticità sul fronte della depurazione, che secondo la portavoce di Goletta Verde Serena Carpentieri, non sono più ammissibili in un territorio con una così forte vocazione turistica."E' un problema che riguarda tutta la penisola. Siamo fanalino in Europa su questo fronte: i reflui del 22% degli italiani non sono adeguatamente trattatiSe n'è accorta anche l'Europa che in marzo ha avviato una nuova procedura di infrazione."L'Europa avverte che che se non si fa qualcosa entro la scadenza - ha sottolineato caropeniteri - rischiamo di pagare multe salatissime. Soldi che potrebbero invece essere spesi per risolvere a monte i problemi".