Milano, (TMNews) - "Non è lasciando libero l'uso della droga, come si discute in varie parti dell'America Latina, che si consentirà la riduzione della diffusione che influenza la dipendenza da sostanze stupefacenti. E' necessario affrontare il problema che sta alla base dell'uso delle droghe, promuovendo la giustizia ed educando i giovani ai valori per costruire una vita comune".Papa Bergoglio parla dall'ospedale San Francesco d'Assisi di Rio de Janeiro, un centro specializzato per la cura dei tossicodipendenti. Nel suo terzo giorno in Brasile, in occasione della Giornata mondiale della gioventù, Francesco lancia dunque un messaggio chiaro sull'uso delle droghe:"Il flagello del traffico di droga che favorisce la violenza e semina dolore e morte, esige da parte dell'intera società un atto di coraggio".Quella del narcotraffico è una piaga per tutta l'America Latina: solo in Messico sono 70mila le persone uccise dalla violenza della droga dal 2006 a oggi. Per provare a sradicare il problema, in molti dal presidente dle Guatemala fino agli ex capi di Stato di Messico, Brasile e Colombia ritengono necessaria la legalizzazione delle droghe. Un tema che vede fermi oppositori in Stati Uniti e Messico.