Davos (TMNews) - Azione di Greenpeace contro Gazprom al Forum economico mondiale di Davos. Per le strade della cittadina sono comparsi attivisti travestiti da orsi polari in fin di vita e ricoperti di petrolio. L'associazione ambientalista ha assegnato alla compagnia petrolifera russa il "Premio della Vergogna", riconoscimento attribuito ogni anno ad aziende "particolarmente indifferenti ai diritti umani e all'ambiente". "Gazprom ha iniziato l'estrazione del petrolio nell'Artico spiega Nadine Berthel, attivista - un'operazione molto pericolosa da eseguire con quelle condizioni climatiche. Nell'Artico ci sono forti tempeste, la notte dura molti mesi e c'è il ghiaccio".Davos è stata scelta come teatro delle contestazioni perché qui, spiega Greenpeace, ci sono i finanziatori che permettono a Gazprom di portare avanti le sue oeprazioni di trivellazioni e estrazioni.(Immagini Afp)