Chamonix (askanews) - Lattine, pezzi di cavi, cocci di vetro... Da anni il "mer de glace", il più grande ghiacciaio del Monte Bianco sul versante francese è una vera e propria discarica a causa dell'inciviltà dei turisti. Gruppi di volontari, periodicamente, si adoperano per mantenere pulita questa meraviglia della natura. L'ultima operazione di puliza e maquillage risale ai primi giorni di settembre 2016; sono state raccolte circa 20 tonnellate di rifiuti.

"Il Mer de glace è uno dei nostri 'parchi giochi' preferiti - dice Jean Pierre Herscke, presidente del club alpino francese di Chamonix - si viene qui regolarmente per andare nei rifugi della zona. Per 50 anni però, c'è stata la cattiva abitudine di gettare i rifiuti nel ghiacciaio e ora tocca alle nuove generazioni ripulirlo un po'".

"È bello sapere che ora ci sono molti meno rifiuti che negli anni precedenti - dice questa volontaria - all'improvviso ho visto il ghiacciaio più pulito e son felice di sapere che non è più così sporco".

Il ghiacciaio Mer de glace è il secondo più importante di tutto l'arco alpino; è lungo 12 km e spesso circa 400 metri, per una superficie di quasi 40 km quadrati.

Si forma a circa 2.140 metri e, grazie alla confluenza progressiva di altri ghiacciai, scende fino a 1.400 metri di altitudine nei pressi di Chamonix da dove i turisti, circa 350mila all'anno, possono raggiungerlo grazie a una funivia per ammirarne la maestosità nonché la bellezza della sua famosa grotta scavata ogni anno nel ghiaccio.

(Immagini Afp)