Roma (TMNews) - Una giornata di lavoro insolita, a Chaville, nel cuore della Francia. Guillaume è istruttore d'equitazione, ma questa volta non ha a che fare con i tipici cavallerizzi, ma con manager di impresa. E' una giornata di formazione professionale attraverso il contatto con i cavalli."Non possiamo permetterci di avere con il cavallo una relazione di tipo dominante-dominato - afferma l'istruttore - siamo obbligati a trovare un'angolatura a questa relazione, che tuttavia deve esser gerarchizzata".Souad è la prima a entrare nel maneggio. Il cavallo è lo specchio dei nostri comportamenti. E per conquistare la sua fiducia occorre ascoltarlo, rispettarlo e dimostrargli che è lui a guidare tutto."Ci sono dei momenti che occorre avere una postura decisa e ferma e dare indicazioni chiare per farsi ascoltare", afferma la donna.E in un mondo professionale che va sempre più di corsa, fermarsi un attimo e andare al 'trotto', come i cavalli, non è cosa da poco.