Palermo (askanews) - Sono Lirio Abbate, de L'Espresso, e Federica Angeli di Repubblica, i vincitori del XVII Premio giornalistico intitolato a Mario Francese, cronista giudiziario ucciso dalla mafia il 26 gennaio del 1979.I riconoscimenti, consegnati nell'aula magna dell'istituto Vittorio Emanuele II di Palermo, sono stati attribuiti per l'inchiesta Mafia Capitale sulle infiltrazioni di cosa nostra e la corruzione nella pubblica amministrazione di Roma. Parlare di mafia è ancora oggi difficile come racconta Lirio Abbate."L'eredità che lascia Mario Francese è una erediàm giornalistica, nel '79 parlare di mafia e Corleonesi non era una cosa semplice".Ad Accursio Sabella, brillante notista politico di Livesicilia, è andato invece il premio in memoria di Giuseppe Francese, figlio di Mario.La manifestazione, organizzata dall'Ordine dei Giornalisti di Sicilia, ha avuto come slogan "La libertà comincia dall'ironia , in riferimento al tragico attentato al giornale satirico Charlie Hebdo.Mattatori della cerimonia di consegna dei premi i comici Ficarra e Picone, ai quali è stato anche assegnato un riconoscimento per aver saputo raccontare con ironia i mali che affliggono la loro terra.