Ben 109 le persone del personale artistico e tecnico nella trasferta appena conclusa nel Sol Levante per “La Boheme” pucciniana diretta da Carlo Palleschi con regia di Massimo Bongiovanni, nell'edizione rappresentata l'anno scorso a Spoleto e nelle maggiori città dell'Umbria nell'ambito della 69ma Stagione lirica sperimentale. “Una grande soddisfazione aver portato ancora una volta la nostra cultura italiana in Giappone, con una Boheme fatta con i giovani e per i giovani. Abbiamo visto un grande entusiasmo da parte del pubblico, in gran parte giovane”, ha detto Palleschi. “Il Giappone e' tra l'altro un grande punto di riferimento anche per le nostre attivita' di carattere didattico: giovani cantanti in un contesto professionale vengono qui insieme a star internazionali, fino a debuttare in uno dei primi dieci teatri del mondo come il Bunka Kaikan – afferma Claudio Lepore, direttore del Teatro – Qui e' tutto professionale e c'e' competenza da parte dello staff organizzativo come del pubblico”. Interpreti i giovani artisti dello Sperimentale, orchestra e voci alternate su più cast, mentre la “stella” ospite e' stata Carmela Remigio.