Tokyo (TMNews) - A Tokyo decine di azionisti della Tepco, il colosso energetico pubblico giapponese, sono scesi in piazza al fianco degli ambientalisti per dire No al ritorno al nucleare nel Paese dopo il disastro di Fukushima, la centrale atomica distrutta dal terremoto e dallo tsunami nel 2011.Azionisti e attivisti chiedono la chiusura permanente degli impianti atomici."Siamo qui al meeting annuale degli azionisti della Tepco per dire loro di prendersi cura delle vittime come priorità - dice questa volontaria di Greenpeace - è la cosa più importante da fare piuttosto che riavviare i reattori nucleari in Giappone"."Penso che alla fine ascolteranno le nostre richieste - aggiunge questa azionista - però è chiaro che non lo faranno a partire da oggi".In seguito al disastro nuclerare di Fukushima diverse città, in un raggio di circa 20 Km dalla centrale, sono state completamente evacuate. Migliaia di persone sono rimaste senza casa e senza lavoro ma i risarcimenti riconosciuti finora dal governo giapponese sono giudicati insufficienti.Al momento i 48 reattori atomici del Paese sono disattivati ma la Tepco, per evitare il fallimento, punta a farli ripartire quanto prima, a partire dalla centrale di Kashiwazaki-Kariwa, la più grande del Giappone. Una scelta contro la quale si scaglia buona parte dei cittadini che vorrebbe un Paese denuclearizzato.(Immagini Afp)