Gerusalemme, (TMNews) - Le bandiere vaticane sventolano accanto a quella dello Stato d'Israele, sullo sfondo il cielo di Gerusalemme. La città santa per le tre grandi religioni monoteiste si prepara a ricevere Papa Francesco, che qui farà tappa il 26 maggio, ultimo dei tre giorni in Terra Santa. Una visita che ricalca quella storica che Paolo VI fece nel 1964 per incontrare il patriarca ortodosso di Costantinopoli Atenagora.Nessuna messa pubblica a Gerusalemme per Papa Francesco, a differenza di quanto fece il predecessore Benedetto XVI nel 2009: celebrerà una funzione più ristretta nella sala del Cenacolo. Il programma in città prevede la visita al Gran muftì alla spianata delle moschee, e al Muro occidentale il cosiddetto "muro del pianto", dove Bergoglio inserirà un bigliettino, come fecero Wojtyla e Ratzinger.Il pontefice visiterà il memoriale della Shoah Yad Vashem. Il calendario fitto prevede anche la visita ai due gran rabbini di Israele (sefardita e askenazita) e al presidente Peres nel palazzo presidenziale. Alle 13 è il Papa che riceve, al Notre Dame Jerusalem Center di proprietà della Santa Sede, il premier Benjamin Netanyahu.Dopo pranzo, visita privata al patriarca Bartolomeo e il saluto, sul Monte degli ulivi, a sacerdoti, religiosi e seminaristi nella chiesa del Getsemani. Ultimo appuntamento di giornata la messa al Cenacolo con gli ordinari di Terra Santa.(immagini Afp)