Milano (askanews) - Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, non ha commentato la notizia del presunto coinvolgimento della polizia egiziana nella scomparsa di Giulio Regeni, ma ha confermato che l'Italia, nonostante il passare del tempo, non non arretra sulla sua richiesta di "verità" all'Egitto. "Al di là della valutazione su queste notizie, che non spetta al governo fare, comunque è chiaro che ci confermano nella nostra posizione che abbiamo assunto in modo molto chiaro in queste settimane. Se qualcuno cioè pensa che il trascorre del tempo farà modificare la posizione del governo italiano, se si pensa che rinunceremo a chiedere e a pretendere la verità sull'omicidio di Giulio Regeni, chi lo pensa si sbaglia" ha detto a margine di un convegno all'Università Bocconi.