Roma, (askanews) - Italia e Gran Bretagna condividono "l'idea che non ci possa rassegnare a una Libia divisa, a una Libia in guerra, a una Libia santuario in alcune aree di gruppi terroristici", ed è pertanto necessario, "non solo sostenere ma rilanciare l'iniziativa di negoziato delle Nazioni Unite": lo ha dichiarato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, a conclusione di un incontro a Roma con il collega britannico Philip Hammond.Secondo il capo della Farnesina "solo un successo, anche parziale, di questa iniziativa potrebbe poi gettare le basi per eventuali interventi di peacekeeping". Difficile immaginare il contrario "senza processo negoziale avviato".L'Ambasciata italiana a Tripoli resta pertanto aperta, a sostegno del dialogo inter-libico e per sostenere l'iniziativa dell'inviato delle Nazioni Unite Bernardino Leon, ha concluso Gentiloni.