Lagos, (TMNews) - Questo generatore elettrico non funziona come gli altri. Non è alimentato a diesel ma con l'urina. E, cosa ancora più sorprendente, a idearlo è stata una studentessa nigeriana di 14 anni. "Dopo aver letto di una famiglia uccisa dal monossido di carbonio - spiega Duro-Aina Adebola - mi sono domandata cosa si potrebbe fare per evitare l'emissione di gas nocivi nell'ambiente". Grazie a un processo di elettrolisi, la ragazza e i suoi compagni di classe, hanno estratto idrogeno dalle urine producendo energia in grado di alimentare un generatore standard."L'idrogeno è un idrocarburo senza carbone e ha un impatto ambientale migliore", spiega un professore di ingegneria dell'Università di Lagos.Nella capitale nigeriana, spesso colpita dai blackout, molti dei 15 milioni di abitanti utilizzano generatori elettrici, ma il carburante costa molto e presenta molti rischi. L'invenzione di Duro-Aina non è stata ancora adottata da nessuno, ma una sua vicina di casa ha accettato di testarla. "All'inizio ero scettica. Ma funziona veramente! Sono sropresa del fatto che un generatore possa essere alimentato così". Il professore di chimica di Duro-Aina spera di incontrare lo stesso entusiasmo anche presso gli investitori per trasformare questo progetto scolastico in un buon business commerciale.(immagini Afp)