Los Angeles, (TMNews) - E' il cuore nascosto di Los Angeles. Da decenni il quartiere di Skid Row è il regno di migliaia di senza tetto. Ma il progresso, e la speculazione edilizia, sono alle porte. O meglio alle tende. Il municipio intende riqualificare il centro della città e a rischio ci sono loro, i dropout delle metropoli californiana. Che hanno però trovato un difensore civico, "il Generale".Il General Dogon è un operatore sociale che conosce bene il suo popolo. Uscito di prigione, è stato anche lui un senzatetto di Skid Row e ha deciso di dare un mano ai suoi amici. "Siamo a Los Angeles, in California, uno degli Stati più ricchi del paese. Eppure qui c'è gente che vive in condizioni peggiori di alcuni paesi del Terzo mondo. A Skid Row non c'è acqua corrente, non ci sono gabinetti e nemmeno cassonetti della spazzatura".Sono duemila a vivere in strada, nel cuore di L.A. Anche anziani come Chesterlas che vive sul marciapiede da 15 anni. Tutto ciò che possiede sta in un paio di metri quadrati, sotto una tenda.Un'esistenza difficile. Ma per qualcuno è una scelta di vita: "Ci viziano, dice Eugene. Io adoro Skid Rown. Il clima è perfetto, qui non piove mai, non devi rifugiarti nella metropolitana per il freddo e ci danno sempre da mangiare".Il sindaco e il governo federale hanno annunciato l'ennesimo piano per migliorare le condizioni di vita e sanitarie dei senza tetto di Skid Row. Ma loro non vogliono andarsene."Bisogna rinnovare il quartiere che è stato abbandonato da troppo tempo, spiega 'il Generale'. Ma gli abitanti del quartiere non devono essere trasferiti. Non sarebbe giusto e si ucciderebbe lo spirito e la cultura del centro di Los Angeles".(Immagini Afp)