Gaza (TMNews) - Ancora un giorno di ordinaria guerra nella Striscia di Gaza: le forze aeree israeliane hanno colpito più volte con diversi raid sulle città palestinesi, lasciando sul terreno diverse vittime. Tra esse anche tre comandanti dele brigate Ezzedin al-Qassam, il braccio armato di Hamas. Un colpo duro per il movimento integralista e una ulteriore conferma della strategia di uccisioni mirate messa in atto dallo Stato ebraico. Immediata, comunque, la reazione dei miliziani palestinesi, che hanno lanciato numerosi razzi sui villaggi e le città israeliane nei pressi del confine con la Striscia. Dall'Onu intanto continuano a giungere appelli al dialogo, ma per il momento a farla da padrone sono le armi: la diplomazia si è arenata, almeno finora, dopo il ritiro della delegazione israeliana dai negoziati del Cairo.