Roma, (askanews) - "Da un punto di vista degli aspetti amministrativi con le autorità deputate Enac ed Enav è stato ampliato l'ambito della cosiddetta 'no fly zone', cioè il cosiddetto Notam, cioè la comunicazione che viene fatta a tutti quelli che utilizzano lo spazio aereo che ci sono alcune zone della Capitale, praticamente la Capitale, che sono interdette al volo aereo per tutto il periodo del Giubileo. Però voi capirete bene che questo ha un duplice effetto: di far sì che le persone per bene non affollino i cieli ma ha assolutamente poca incidenza su chi ha una intenzione negativa". Lo ha spiegato il prefetto di Roma Franco Gabrielli a margine di una conferenza stampa dedicata alla presentazione del logo per il Giubileo."Non è che con l'emissione del Notam, noi stiamo tranquilli. Faccio un esempio che va molto di moda - ha aggiunto - il famoso elicottero del 20 di agosto lì non poteva volare perché i monomotori non possono volare sui centri abitati ma questo ha una poca incidenza da un punto di vista della prevenzione".