Barre des Écrins (TMNews) - Un gruppo di scalatori in costume d'epoca ha rievocato la prima scalata al Barre des Écrins, la montagna più alta delle Alpi del Delfinato, nella Francia sud-orientale. La sue vetta a 4.102 metri, fu conquistata per la prima volta il 25 giugno del 1864 da tre alpinisti britannici: Edward Whymper, Horace Walker e Adolphus Warburton Moore guidati dagli svizzeri Christian Almer e Chamoniard Michel Croz. Esattamente 150 anni dopo, una cordata di alpinisti, tra cui lo scrittore Sylvain Tesson e il campione europeo di scalata Daniel Dulac ha compiuto la stessa impresa, vestendo gli stessi abiti dell'epoca."Non possiamo certo partire dalle stesse condizioni della prima scalata - ha spiegato Tesson - loro andavano verso l'ignoto mentre noi sappiamo già dove passare, conosciamo le strade. Però cerchiamo di immedesimarci nello spirito di quell'avventura, per celebrare la loro impresa".Per commemorare l'anniversario, sulla sommità del monte verrà installata una scultura in acciaio alta 2 metri realizzata dall'artista Christian Burger, che poi a fine stagione sarà smontata ed esposta nella valle."Questa è una montagna che tutti noi amiamo - ha raccontato Abdou Martin, capo delle guide alpine locali - e vogliamo condividere con tutti il nostro amore per questa montagna. Tra noi ci sono acnhe giovani studenti, il che vuol dire che la storia del massiccio si tramanderà a lungo".La Barre des Écrins è visibile anche dall'Italia, nella zona delle Prealpi Lombarde in giornate prive di foschia.(Immagini Afp)