Parigi (askanews) - Prosegue a Parigi la mobilitazione dei tassisti francesi contro i servizi di trasporto con autista sul modello di Uber. Dopo la giornata di tensione del 26 gennaio, ci sono stati presidi durati tutta la notte. Il premier Manuel Valls ha nominato un mediatore ma questo non ha fermato la protesta dei tassisti che continuano a mantenere posti di blocco presso gli aeroporti di Roissy e Orly oltre che davanti al ministero delle Finanze e alla Porte Maillot, trafficato punto d'ingresso all'ovest della capitale francese.La mobilitazione di ieri ha causato numerosi incidenti e si è chiusa con il bilancio di un ferito e 24 arresti nella regione di Parigi. Valls ha denunciato le violenze "inammissibili" e ha ricevuto e i rappresentanti dei tassisti e annunciato ulteriori controlli per "garantire le condizioni di una concorrenza leale" tra taxi e auto a noleggio con conducente.(Immagini Afp)