Nevers (askanews) - "Il dentista dell'orrore" alla sbarra. Si apre in Francia il processo nei confronti di un olandese, accusato di aver causato terribili danni alle bocche di oltre un centinaio di pazienti.Jacobus van Nierop, 51 anni, strappava denti sani e causava a decine di abitanti di un remoto villaggio francese mandibole rotte, ascessi ricorrenti e setticemie. E' imputato di aggressione aggravata e di frode, accusato di aver tentato di sottrarre denaro a assicurazioni mediche e pazienti.L'uomo compare davanti al tribunale di Nevers, nella Francia centrale, nei pressi dell'area rurale di Chateau-Chinon, dove aveva aperto uno studio nel 2008 e inizialmente era stato accolto con favore dalla piccola comunità, che aveva grande necessità di cure mediche. "Mi ha fatto sette o otto iniezioni e mi ha tolto otto denti in una volta. Ho perso sangue per tre giorni" ha raccontato."Mi ha devitalizzato dei denti che erano sani. Ogni volta ci faceva quella che chiamava "una punturina" e ci addormentavamo, finivamo fuori gioco" ha detto Nicole Martin, insegnante in pensione che ha perso vari denti a seguito di ascessi causati dagli orrendi interventi.Con l'aiuto di uno degli assistenti di Van Nierop, Martin ha formato nel 2013 un gruppo di 120 vittime del dentista per chiederne l'incriminazione. A giugno dello stesso anno la polizia ha arrestatoVan Nierop, ma l'ha poi liberato in attesa di processo e l'uomo è fuggito dalla Francia. Rintracciato in una piccola città canadese del New Brunswick, dottore macellaio è stato arrestato su mandato internazionale a settembre 2014. Se giudicato colpevole rischia 10 anni di carcere e 150mila euro di multa.(immagini Afp)