Parigi, (TMNews) - "Mille licenziati, zero indennità": è uno degli slogan di protesta affissi sugli Champs Elysées a Parigi di fronte all'ingresso di quel che era il megastore della Virgin. I negozi francesi del marchio fondato da Richard Branson, e controllato ora da un fondo di investimenti, sono occupati dai loro dipendenti in via di licenziamento. Mille lavoratori presidiano otto dei ventisei negozi francesi. Protestano non tanto per scongiurare un licenziamento, ormai quasi inevitabile, quanto per ottenere le migliori condizioni possibili di uscita. "Abbiamo due modi di fare pressioni sui proprietari - spiega un impiegato della Virgin sugli Champs Elysées - occupare il maggior tempo possibile gli store, che hanno un affitto molto alto, e tenerci tutti gli stock". L'occupazione dei megastore è arrivata mentre è all'esame del tribunale del commercio la dichiarazione di fallimento della catena che vende dischi, dvd e prodotti di elettronica. A gennaio 2013, non riuscendo a fare fronte ai debiti, Virgin si era dichiarata insolvente."L'occupazione di otto negozi ha un obiettivo molto semplice - spiega Ronald Colas, della sigla sindacale CGT - Il budget del piano sociale deve essere raddoppiato. Ora ci sono in ballo otto milioni di euro per licenziare 1000 salariati. Questa cifra è chiaramente insufficiente".(immagini Afp)