Per l'imputata di Vatileaks, il gesto non e' una provocazione