Shenzen (askanews) - Due persone sono state ritrovate vive, dopo 70 ore, sotto le macerie degli edifici travolti da un'enorme frana domenica 20 dicembre a Shenzen, in Cina. Tuttavia una non ce l'ha fatta ed è deceduta poco dopo il salvataggio. È invece "in condizioni di estrema debolezza" ma con buone possibilità di sopravvivere, secondo la stampa locale, un giovane di 19 anni recuperato dalle squadre di soccorso della polizia quasi 4 giorni, dopo la valanga di fango che ha inghiottito una trentina di edifici.A salvare il 19enne sarebbe stata una sacca d'ossigeno formatasi tra i detriti e il fango che hanno ricoperto una enorme area.In base al bilancio ufficiale, ma ancora provvisorio, imorti accertati sono solo due, ma almeno 70 personerisultano ancora disperse.A Shenzen, distretto confinante con Hong Hong, una vera e propria collina di terra e materiali di scarto edile è franata, travolgendo edifici e capannoni di un'area industriale, ma anche condomini abitati.L'ammasso di fango complica i lavori di soccorso, che comunque continuano ininterrottamente.(Immagini Afp)