Parigi, (askanews) - A più di un anno e mezzo dalla tragedia del Rana Plaza in Bangladesh, a Parigi c'è stata una mobilitazione per chiedere con un flash mob che Benetton si prenda le sue responsabilità.Nel disastro morirono 1138 lavoratori del tessile e rimasero feriti oltre 2000 operai e operaie. L associazione no profit Clean clothes da mesi cerca di costituire un fondo per risarcire le vittime chiedendo finanziamenti ai grandi marchi coinvolti. Obiettivo della campagna è raccogliere 40 milioni prima del 24 aprile. La cifra è stata calcolata e concordata dall'accordo tra il governo bangladese, i rappresentanti nazionali dell industria tessile, i marchi internazionali, i sindacati e le Ong che si occupano dei diritti dei lavoratori."Quello che Benetton non ha fatto è entrare nella fase di compensazione per le vittime, che è il minimo che può fare, perchè ha realizzato moltissimi prodotti tessili in Bangladesh e il popolo non ha ancora ricevuto un indennizzo equo" dice una attivista.Benetton è uno dei marchi internazionali legato al peggiore disastro industriale della storia del tessile a non aver versato fondi al Rana Plaza Donors Trust Fund. L'azienda però ha fatto sapere di essere in prima linea per contribuire ad un miglioramento significativo e duraturo delle condizioni di lavoro e di sicurezza in Bangladesh.(immagini AFP)