Manila (askanews) - Almeno 38 persone sono morte mentre 27 risultano disperse a seguito del naufragio nelle Filippine centrali di un traghetto che trasportava quasi 200 persone tra passeggeri e membri dell'equipaggio, l'ultima sciagura del mare del paese. Secondo un portavoce della Guardia costiera filippina, 127 persone sono state tratte in salvo.La "Kim Nirvana", un traghetto di 33 tonnellate, era in navigazione da Ormoc, sull'isola di Leyte, alle isole Camotes quando si è rovesciata dopo una mezzora a un chilometro dal porto di partenza. Le squadre di soccorso sono ancora impegnati nelle operazioni di ricerca dei dispersi.Le autorità hanno smentito, come era stato dichiarato inizialmente, che l'incidente sia stato causato dal mare agitato o dal sovraffollamento del natante. Gli stabilizzatori del traghetto si sono rotti nell'incidente il che si potrebbe spiegare anche con un errore di pilotaggio.I traghetti sono uno dei principali mezzi di trasporto nell'arcipelago che conta più di 7.100 isole. Gli incidenti sono frequenti, spesso causati da una manutenzione non scrupolosa, da norme di sicurezza troppo vaghe e dal sovraffollamento dei natanti.(Immagini Afp)