Rho, (askanews) - "Condividere valori per creare valore": è la parola d'ordine del Gruppo Ferrero in tema di responsabilità sociale. Un credo che si traduce, ad esempio, con la nuova vita cui saranno destinate le strutture allestite a Expo 2015 dal terzo gruppo dolciario al mondo: il padiglione Kinder+Sport sarà in parte trasformato in aule scolastiche per i bambini dei campi di rifugiati al confine tra Camerun e Repubblica Centrafricana. E in parte diventerà un'infermeria pediatrica in Sudafrica. Ad annunciarlo il presidente di Ferrero Spa Francesco Paolo Fulci, a margine di un convegno a Expo 2015 dal titolo "Sviluppo sostenibile e imprese sociali Ferrero". Fulci ha precisato che quelle del marchio che produce Nutella e Kinder non sono opere sociali ma imprese sociali: "La nostra è un'impresa destinata a fare profitti ma ha un contenuto sociale, da un lato perché crea nuoviposti di lavoro in zone dove non ce ne sono e serve anche al settore indotto. Quindi è un moltiplicatore di notevole rilievo".Le imprese sociali Ferrero "valgono il 10% dell'intera forza lavoro" del Gruppo, ha spiegato Fulci. Secondo il sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova, le imprese sociali di Ferrero sono "un esempio per tutte le aziende italiane che operano all'estero": "Sono un esempio di cosa la nuova cooperazione italiana vuole fare. Unire l'intervento pubblico con l'intervento privato per generare utilità sociali nei Paesi della cooperazione", ha detto.Oggi le Imprese sociali Ferrero sono presenti in India, Sudafrica e in Camerun, laddove il Gruppo è presente per recuperare materie prime fresche per i propri dolci. Secondo il vice ministro allo Sviluppo Economico Carlo Calenda, l'impresa sociale in stile Ferrero rappresenta un "cambiamento epocale": installarsi nei paesi dove si trovano le materie prime non per "fare la carità" ma per creare valore. "Questa è una visione illuminatissima avuta da Michele Ferrero che dovrebbero avere tutte le imprese italiane se vogliono rimanere nelle catene globali del valore ma anche mantenere l'unicità di qualità del prodotto italiano".Una visione degna di un riconoscimento postumo: Fulci ha annunciato che saranno avviate le formalità per trasformare la denominazione delle 'Imprese sociali Ferrero' in 'Progetto imprenditoriale Michele Ferrero'".