Milano (askanews) - La trattativa per il rilascio delle due giovani volontarie italiane rapite in Siria è in una fase delicatissima in cui la Farnesina deve procedere con grande cautela. "Continuiamo a lavorare" ma occorre mantenere "il massimo riserbo", hanno confermato fonti diplomatiche. Il video diffuso dai rapitori secondo gli esperti è autentico e dimostra non solo che Greta Ramelli e Vanessa Marzullo sono vive e in condizioni di salute apparentemente buone ma anche che i rapitori sono intenzionati ad entrare nella fase finale delle trattative.Non è chiaro quale gruppo abbia sequestrato le due cooperanti nel luglio scorso. Non si tratta di miliziani dello Stato islamico, ha sempre sostenuto la Farnesina, ma, secondo alcune indiscrezioni, neppure del Fronte al Nusra, gruppo vicino ad al Qaeda che ha rivendicato il sequestro.Vanessa e Greta sarebbero invece ancora tenute in ostaggio da esponenti dell'Esercito siriano libero, che non le avrebbero mai cedute ad altri gruppi dal giorno del rapimento.(immagini afp)