Rho (askanews) - Con una colorata marcia lungo il Decumano si è conclusa a Expo 2015 "Terra Madre Giovani", la manifestazione organizzata da Slow Food che ha portato a Milano e all'esposizione universale 2.500 giovani agricoltori, allevatori e pescatori da 120 Paesi. Quattro giorni di giorni di dibattiti e incontri tematici alla ricerca di soluzioni concrete per nutrire il Pianeta in modo sostenibile, con un occhio di riguardo alla salvaguardia della biodiversità e alla lotta contro lo spreco alimentare."Voi siete il futuro del mondo" ha detto il fondatore di Slow Food, Carlin Petrini, prima di invitare i giovani a organizzare eventi analoghi nei loro Paesi. "La vostra energia vitale - ha concluso - lascerà senza dubbio dei segni in ogni angolo del Pianeta. Qui c'è l'Onu dei giovani contadini, qui si fa la politica che conta, quella che viene dal basso" perché è "a partite dagli umili che si può cambiare la politica".