Rho (askanews) - Sono scattati i nuovi orari in Expo 2015, e il pubblico, nel weekend che chiude il già affollatissimo mese di agosto dell'Esposizione universale, è tornato a prendere d'assalto il sito di Rho-Pero, dove continua a splendere un sole decisamente estivo. Molti i padiglioni con le persone in coda fin dall'apertura, e se per i "longseller" come il Kazakhstan, il Brasile o gli Emirati Arabi non è una novità, questa volta moltissima gente si è messa in fila anche, per esempio, per visitare lo spazio della Thailandia o quello di Israele.A colpire, però, è sempre la folla che attende, in modo decisamente ordinato, di poter entrare a Palazzo Italia, luogo intorno a cui, oggi più che mai, ruota il movimento di visitatori di Expo, in qualche modo dando indiretta conferma ai dati di Federalberghi che hanno sottolineato la preponderanza di italiani i milioni di persone che si sono recate in Expo. La fila parte da piazza Italia e attraversa tutta una metà del Cardo, diventando in qualche modo un altro asse di movimento all'interno del sito. E il fatto che in Italia, Paese notoriamente allergico alle code in stile britannico, si attenda anche diverse ore con grande pacatezza il proprio turno, è forse un altro dei successi di questa Expo milanese. In attesa che le misure prese dalla società di gestione e dalle rappresentanze nazionali contribuiscano a ridurre i tempi di attesa.