Milano (Askanews) - Forse qualcuno potrebbe legittimamente alzare il sopracciglio, ma all'Expo di Milano del 2015 ci sarà anche Coca-Cola. Il colosso delle bevande ha presentato il progetto del proprio padiglione, interamente sostenibile, che sarà la cornice all'interno della quale l'azienda cercherà di parlare di stili di vita attivi e alimentazione equilibrata. Presente alla conferenza stampa la general manager per Expo 2015 di Coca-Cola Kim Alexander. "Coca-Cola non poteva perdersi l'Expo 2015 - ha detto - naturalmente per l'importanza del tema, sul quale Coca-Cola fonda i sui principi. Siamo da sempre attirati dagli eventi che aggregano le persone, e l'Esposizione universale è un esempio eccellente di tutto questo".Soddisfatto della presenza del colosso di Atlanta, anche il commissario unico di Expo Giuseppe Sala. "Non poteva mancare Coca-Cola a un evento del genere - ha detto - e il fatto che sia venuta seguendo le nostre regole e condividendo le opportunità che noi diamo mi pare una notizia molto positiva".Una delle caratteristiche del padiglione è quella di disporre di una seconda vita: al termine dell'Esposizione diventerà un campo da basket coperto che sarà donato a Milano. E il vicesindaco, Ada De Cesaris, ha apprezzato la concretezza del progetto. "Il fatto che siano venuti a proporre all'amministrazione comunale di trovare un luogo dove ricollocare - ha spiegato - lo consideriamo un fatto emblematico, perché segna la natura e anche un po' quello che noi pensiamo debba essere Expo".Insomma il prossimo anno anche un colosso globale come Coca-Cola potrà tentare di mostrare agli scettici la propria anima più green e la propria adesione al progetto di nutrizione del Pianeta.