Milano, (TMNews) - "Il Governo non si è assunto le proprie responsabilità e ha lasciato alle regioni le decisioni. Noi abbiamo ritenuto che non saranno nei livelli essenziali di assistenza e quindi riconosciuti dal Fondo Sanitario Nazionale è a carico delle coppie che lo richiedono" così il vice presidente e assessore alla Salute di Regione Lombardia, Mario Mantovani ha spiegato il motivo per cui in Lombardia la procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo è a carico delle coppie."Non appena il governo prenderà questa decisione, che è un atto del ministro, - ha spiegato l'assessore alla Salute - noi ci adegueremo alla normativa nazionale e pagheranno il ticket anche in Regione Lombardia, ma finchè non sarà così non può essere a carico di altre famiglie la necessità di una coppia""Assolutamente non è una scelta ideologica, abbiamo ritenuto che i fondi e le tasse dei lombardi debbano essere spesi per le necessità prioritarie, questa credo non si a una necessità prioritaria" ha concluso Mantovani.