Monrovia (TMNews) - L'epidemia di virus Ebola sta mettendo in ginocchio le strutture sanitarie, e non solo, della Liberia. Per fronteggiare il contagio, in un momento gravissimo, Medici senza Frontiere sta realizzando due novi ospedali per trattare la malattia."Stiamo facendo un grande sforzo - spiega Lindis Hurum di Msf - questo di Monrovia sarà il più grande complesso mai realizzato, con 120 posti letto. Ne stiamo portando avanti anche uno nel nord della Liberia. Sfortunatamente nessuna delle due strutture è sufficiente per garantire assistenza a tutti i malati. In questo momento il contagio è totalmente fuori controllo e abbiamo bisogno di nuove strategie per fronteggiare l'emergenza".Da giorni gli operatori sanitari che stanno lottando contro l'Ebola denunciano il fatto che il governo, a causa dei troppi contagi, ha chiuso diversi ospedali. Una situazione a cui si chiede da più parti di porre rimedio al più presto."E' necessario - spiega un attivista per i diritti civili - che il governo apra dei centri in tutto il Paese, e che li metta nelle condizioni di funzionare. Solo in questo modo potremo combattere l'Ebola ed estirparlo dalla nostra nazione".Un risultato che, al momento, sembra ancora difficile da raggiungere, ma la battaglia contro il virus, pur tra mille difficoltà, continua.