Sidney (askanews) - Allarme degli scienziati australiani sullo stato della grande Barriera corallina: i coralli si stanno sbiancando a causa del riscaldamento globale e la conseguente maggiore temperatura delle acque.Le analisi condotte dai biologi marini di due università di Sidney nel mare del Queensland hanno rilevato un'anomalia di una portata mai vista prima: uno sbiancamento dei coralli in un tratto lungo quasi un chilometro della barriera corallina, il più grande ecosistema marino del mondo. Il fenomeno interessa circa il 45% dei coralli della zona.Lo sbiancamento dei caralli si verifica quando anomale condizioni del mare, come una temperatura molto più alta del normale, provocano una produzione di micro-alghe fotosintetiche che privano i coralli del colore naturale.Secondo quanto rilevato, la temperatura nel tratto di mare interessato dal fenomeno è di circa 26,5 gradi Celsius contro una media, per questo periodo, di 24,5 gradi; praticamente un grado più del previsto.Il monitoraggio ora continua, nella speranza che la cosa non si aggravi. Gli scienziati pensano che, con l'abbassamento delle temperature dovuto all'inverno dell'emisfero meridionale, tutto possa ritornare alla normalità.(Immagini Afp)